PERCHÉ BONIFICARE GLI EDIFICI CONTAMINATI DALL’AMIANTO

Pericolosità dell'amianto

A cavallo tra il 1960 e il 1980, di pari passo con il boom economico, in Italia si assiste ad una larga diffusione di questo materiale. Esistono vari motivi per cui l’amianto è stato utilizzato in maniera così massiccia, soprattutto nel settore edile. Innanzitutto  la straordinaria resistenza a temperature molto elevate ne fa un isolante termico ed elettrico perfetto; se si aggiungono poi facilità di lavorazione e capacità fonoassorbenti, unite ad un bassissimo costo di produzione, non è difficile immaginare perché è impiegato nel 75% delle costruzioni. La pericolosità dell’amianto però è stata presto scoperta:  le fibre rilasciate infatti sono facilmente inalabili dall’uomo, in particolar modo durante la lavorazione e in occasione di correnti d’aria ed infiltrazioni d’umidità. Ne derivano danni gravissimi ed irreversibili dovuti all’accumulo delle sostanze fibrose nei bronchi e negli alveoli polmonari.

Normativa e agevolazioni per chi bonifica il proprio immobile

Nel nostro Paese, grazie alla legge 257 del 1992, l'utilizzo dell'amianto è limitato in ogni settore produttivo ed addirittura vietato in molti di essi. Inoltre è stata attuata una normativa di sicurezza per la bonifica delle aree contaminate e per la rimozione, dove possibile, del materiale. Ad oggi tutti i proprietari degli immobili sono obbligati a segnalare la presenza di amianto, cui seguirà un controllo in loco e un programma di manutenzione accurato. Esistono delle agevolazioni per chi decide di bonificare il proprio immobile, in modo da ammortizzare le spese sostenute. Per i soci di cooperative o società semplici, per gli imprenditori (con riferimento ad immobili non considerati merce o beni strumentali) e per i privati cittadini è stato pensato un “Bonus ristrutturazioni” che ammonta al 50% delle spese; per i titolari di reddito d’impresa si parla invece di “Credito d’imposta”,  che dà diritto ad uno sconto nei confronti dell’Erario. Le imprese che hanno sostenuto almeno 20000€ di spese avranno uno sconto del 50%. 

Contattaci per saperne di più e avere un preventivo gratuito sui lavori!

BIOEDILIZIA E SICUREZZA CON LE CASE PREFABBRICATE ANTISISMICHE

Tecniche di costruzione di case antisismiche

L’impresa edile che costruisce case prefabbricate deve seguire un iter particolare ed utilizzare materiali idonei affinché esse possiedano tutti i requisiti per risultare antisismiche.
Le tecniche di costruzione sono sostanzialmente due:

- isolamento sismico: si “isola”, appunto, la casa grazie all’inserimento di dispositivi flessibili tra il terreno e la base dell’abitazione in modo da permetterle di muoversi senza deformarsi in caso di sisma. Gli isolatori sismici sono dei dispositivi d’appoggio che permettono all’edificio di assorbire facilmente i movimenti orizzontali del terreno di fondazione;
- dissipatori di energia: sono dei dispositivi che catturano buona parte dell’energia prodotta dal terremoto. Trovano applicazione dove siano possibili degli spostamenti tra due elementi strutturali durante una sollecitazione di carattere dinamico.

Case modulari e case in pannelli prefabbricati: due soluzioni per te

Come sappiamo l’Italia è un Paese a forte rischio sismico, quindi è utile affidarsi ad un’impresa che disponga di tecnici preparati che conoscano la normativa antisismica. Costruire case di questo tipo costa circa 1200€ al mq, un bel risparmio rispetto alle medie immobiliari. Esistono vari tipi di case prefabbricate antisismiche che si collocano come valide alternative alle abitazioni tradizionali: parliamo delle case modulari e delle case in pannelli prefabbricati.

  • Case modulari: sono costituite da moduli che vengono assemblati direttamente una volta trasportati al cantiere. Gli impianti idraulici, elettrici, le porte, gli armadi e le scale fanno già parte di ogni modulo, quindi il lavoro di assemblaggio è ridotto al minimo indispensabile.
  • Case in pannelli prefabbricati: i pannelli sono costruiti in fabbrica, vengono trasportati in cantiere e lì saranno uniti per realizzare l’abitazione. Ovviamente, rispetto alle prime, questo tipo di case ha bisogno di rifiniture maggiori dal momento che molti elementi vengono aggiunti in cantiere.
Stai cercando una casa prefabbricata antisismica a Bergamo e provincia? Contattaci per avere un preventivo con una stima dettagliata di tutti i costi.